Raphael

Gli insegnamenti Tradizionali trasmessi dal Maestro Raphael

A cura di Fabrizio Bartoli

immagine brani Raphael Immagine brani Raphael  

 Il riferimento principale per gli insegnamenti Tradizionali ricevuti sono stati i testi dell’edizioni Āśram Vidyā poi Ass. Ecoculturale Parmenides, trasmessi dal Maestro Raphael.

L’Editrice Āśram Vidyā poi Ass. Ecoculturale Parmenides ha trattato argomenti filosofico spirituali e  pubblicato testi che si riferiscono ad alcuni rami  occidentali ed orientali della Conoscenza Tradizionale quali: il Vedānta, lo Yoga, l’Orfismo, il Platonismo , l’Ermetismo, la Qabbālāh, l’Alchimia. Da oltre 40 anni ha presentato in Italia testi fondamentali della filosofia occidentale ed orientale, in particolare per l’occidente Parmenide, Platone, Plotino e per l’oriente Gaudapāda e Śamkara.  Questi insigni Maestri sono stati portatori di grandi insegnamenti, quelli orientali hanno  ricodificato il Vedānta Advaita o Vedānta non-duale, la più ardita metafisica che si conosca. Molte opere sono state commentate da Raphael, Maestro Advantin che ha vissuto, nel nostro tempo, in un eremo del centro Italia.

Molte opere edite dalla casa editrice Āśram Vidyā poi ass. Ecoculturale Parmenides, hanno come autore Raphael, e riguardano l’unità della Tradizione prevalentemente sotto l’aspetto metafisico, ciò non implica che ci si contrapponga alla visione dualistica, a quella del Cavaliere (Ksatriya), alle varie fedi religiose, ecc…

Raphael è il fondatore contemporaneo dell’Ordine Āśram Vidyā di Roma ed insegnante (inteso come puro canale) delle antiche Tradizioni, prendendo ispirazione sia dalla Tradizione occidentale che dalla Tradizione orientale. Egli è un praticante Asparsin che per circa 40 anni ha  vissuto nell’eremo dell’Academia Ordo-Rael nelle colline fuori Roma, negli ultimi anni completamente ritirato nel silenzio. Egli è stato autore ed insegnante sia della Tradizione Metafisica occidentale, che della Tradizione orientale Vedanta. Raphael ha tradotto e commentato numerosi testi chiave della Tradizione Vedanta dal sanscrito originale, che includono alcune opere di Samkara e alcune Upanisad. Il suo intero lavoro rappresenta una possente riunificazione delle Tradizioni occidentale ed orientale nella grande Tradizione Unitaria della Metafisica. 

Parlare di Raphael è difficile perché, secondo certe sue espressioni, non ha storia, non ha passato, non ha memorie da riportare. Molti, spinti da una curiosità sociale e mondana, chiedono cose che riguardano il particolare e l’individuale, ma chi ha risolto la sfera dell’individualità e dell’ “ombra” non ha più un nome, una forma, una storia; molti lo considerano un Vero Maestro.

Raphael in ogni suo scritto tende a stimolare la coscienza del lettore per coinvolgerlo in una “presa di possessodella Conoscenza. Suo scopo principale è quello di fornire al lettore, attento e “qualificato”, la strada più consona al suo stato coscienziale e al suo tipo di mente, per potersi accostare a quell’unica Conoscenza che solo una mente analitica, appunto perché limitata, può classificare orientale o occidentale. Molti sono i testi a cui riferirsi: Quale democrazia, Alle fonti della vita, Di là dal dubbio, Oltre l’illusione dell’io, La scienza dell’amore, Fuoco dei Filosofi, Fuoco di Ascesi, Fuoco di Risveglio, ecc..

Raphael, che ho avuto il privilegio di incontrare personalmente più volte, un giorno mi ha detto che il Vero Maestro è: “Un puro canale della Tradizione”, quindi ciò che risulta importante è apprendere e realizzare l’insegnamento Tradizionale, messo in pratica e perpetuato dai Giganti che ci hanno preceduto.

Anche se siamo “Nani”, se riusciamo a salire sulle spalle dei Giganti precedenti, cioè avvalerci dei loro insegnamenti, potremo allargare la nostra visione e vedere più lontano e quindi operare le giuste scelte.

 

Sono pubblicati alcuni brani tratti dai libri di Raphael (vedi link sottostanti):